Quando ero un bambino mi chiedevo dove si nascondesse il male che nel secolo scorso ha permesso orribili crimini con un ampio silenzio/assenso di molti (troppi).

Oggi, tra le righe delle persone normali che popolano i social network, si capisce benissimo come e dove possono attecchire i peggiori istinti dell’uomo. E’ vero che sono spazi dove è più facile riconoscersi nelle estremizzazioni dei sentimenti, ma sono anche l’humus per coltivarli fuori da qui.

--

--

Giornalista, appassionato di comunicazione. In rete fin da adolescente alla fine ha deciso di studiarla.📱

Love podcasts or audiobooks? Learn on the go with our new app.

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store