Quando ero un bambino mi chiedevo dove si nascondesse il male che nel secolo scorso ha permesso orribili crimini con un ampio silenzio/assenso di molti (troppi).

Oggi, tra le righe delle persone normali che popolano i social network, si capisce benissimo come e dove possono attecchire i peggiori istinti dell’uomo. E’ vero che sono spazi dove è più facile riconoscersi nelle estremizzazioni dei sentimenti, ma sono anche l’humus per coltivarli fuori da qui.

Giornalista, appassionato di comunicazione. In rete fin da adolescente alla fine ha deciso di studiarla.📱

Get the Medium app

A button that says 'Download on the App Store', and if clicked it will lead you to the iOS App store
A button that says 'Get it on, Google Play', and if clicked it will lead you to the Google Play store